• Film da Vedere
  • Newsletter
  • Dvd e Blu-Ray
  • Podcast
  • Notizie da Cinema e dintorni

    Tutti Morimmo a Stento: Trailer

    Da bambino passavo molto tempo con mia nonna. Nei momenti di forte noia, uno in particolare in cui io mi lamentavo della troppa normalità e quotidianità di Cattolica, lei seppe con poche parole attirare la mia attenzione, raccontandomi storie dei tempi della guerra. Storie che, anche se alleggerite alla portata di bambino, erano pregne dell’amara realtà dell’epoca e della difficoltà che una vita durante la guerra può comportare. Ma nella mia testa da bambino erano immagini di una grande avventure ed una in particolare colpì la mia attenzione, quella di due giovani innocenti torturati e fucilati. Ma la cosa che rendeva eccitante questa storia, era il fatto che potevo vedere dove era successo, potevo toccare con mano il muro della fucilazione al cimitero di Cattolica e questo rendeva la storia non solo una storia raccontata ad un bambino, ma fatti veri.

    Con il passare degli anni le storie raccontate dalla nonna si sono perse nella nebbia dei ricordi, ma una è perdurata negli anni fino ad oggi, la storia di quei due ragazzini che furono torturati e uccisi. La storia di Rasi e Spinelli. Ma io conoscevo la “versione della nonna” così negli anni grazie a Maurizio Castelvetro sono riuscito a ricostruire il complicato puzzle della vicenda di Rasi e Spinelli. Più mi addentravo in questa storia più mi accorgevo che non era solo una vicenda da tinte macabre come la vedevo da bambino, ma c’era qualcosa di molto più profondo in essa.

    La conoscenza di tutta la storia a creato in me il forte desiderio di fare quello che mia nonna aveva fatto con me, far capire concetti argomenti e far arrivare a capire l’importanza del gesto di questi due ragazzi, ma senza dover essere accademici, pesanti o duri. Capii che, come lei, dovevo raccontare una storia che attirasse la gente e decisi di farlo con l’unico mezzo che conoscevo, il cinema.

    Ora, al 70° anniversario della morte dei due giovani, è con estremo orgoglio e affetto verso quella donna che mi ha cresciuto, che pubblico il trailer del film che assieme a Lorenzo ed Eleonora abbiamo realizzato.

    Concludo questa mia lettera con un immenso grazie ai miei due fidati collaboratori, che hanno sopportato me e che continuano a sopportarmi e supportare la mia storia, e a tutti voi coloro che, anche con un aiuto che può sembrare insignificante, mi hanno permesso di raccontare e ricordare alle generazioni a venire quello che fu, permettendomi di raccontare la storia che Annita Gabellini mi aveva raccontato e che io conservo nel cuore.

    Un abbraccio a tutti.

    Alessandro Nunziata

     

    L’articolo Tutti Morimmo a Stento: Trailer sembra essere il primo su Toby Dammit.

    Fonte Articolo

    Viaggio nella Luna: 17ma puntata “Ho una cura perfetta per un gola arrossata. Tagliarla. Pianeta Hitchcock” (11/04/2014)

    Alfred Hitchcock

    La diciassettesima puntata di Viaggio nella Luna, una trasmissione radiofonica di cinema in onda ogni venerdì dalle 22 alle 24 su Regina Web Radio.

    In questa puntata dal titolo “Ho una cura perfetta per un gola arrossata. Tagliarla. Pianeta Hitchcock” si parla dei film di un Venerabile Maestro della Settima Arte: Alfred Hitchcock. Prendendo in esame alcune opere miliari si compie una disamina del suo cinema e si cerca di descriverne il retaggio artistico.

    Special Guest della Puntata: Valerio Berardi, cinefilo esperto di Hitchcock e di altre amenità filmiche.

    In particolare si sono identificati 3 film ritenuti fondamentali nella cinematografia del regista britannico:

    • Intrigo Internazionale
    • Vertigo
    • La finestra sul cortile

    In studio conducono Marco Belemmi, Francesco Morosini, Valerio Berardi e Federico Minguzzi. Buon Ascolto.

    ASCOLTA IL PODCAST

    Play

    Viaggio nella Luna: 18ma puntata “Scriteriati Sproloqui Lunari” (09/05/2014)

    sproloqui

    La diciottesima puntata di Viaggio nella Luna, una trasmissione radiofonica di cinema in onda ogni venerdì dalle 22 alle 24 su Regina Web Radio.

    In questa puntata dal titolo “Scriteriati Sproloqui Lunari” si parla anarchicamente di cinema senza un crepitio concatenante che obblighi le conversazioni dei vari conduttori in un alveo di umano parlare. Conduttori che dal canto loro si succedono al microfono brandendolo come arma impropria. E allora nella vaghezza dei sensi e nella caligine dialogica si fanno strada Spike Jonze, il suo background vetero artistoide e il suo ultimo capolavoro Her da cui si dipana un discorso concettualmente plausibile ma neuronalmente instabile. Quindi è la volta di Takeshi Kitano a sostituire l’ottimo Spike. Beat Takeshi fa le fusa sornione nell’ombra della sua paratattica iniquità. Poi svolge un compito celeste autocelebrando i suoi ultimi laboriosi film in cui tutto il sangue versato non è mai funzionale al respiro di Federico Minguzzi e alle sue soavi ciance. Brucia la strada della vittoria finale The World’s End e alcuni rimandi nostalgici a certo cinema parrocchiale, con tanto di lanterna magica e di semi di zucca salati da sgranocchiare senza la compassata allegria di un liceale che ha appena saltato la scuola.

    La volontarietà del fato si risolve in un parossistico boato in cui ogni cosa avviene perchè è voluta da un’entità concretamente superiore.

    In studio conducono Marco Belemmi, Francesco Morosini, Valerio Berardi e Federico Minguzzi. Buon Ascolto.

    ASCOLTA IL PODCAST

    Play

    Viaggio nella Luna: 16ma puntata “Biondo, lo sai di chi sei figlio tu? Cinema western e dintorni” (04/04/2014)

    biondo

    La sedicesima puntata di Viaggio nella Luna, una trasmissione radiofonica di cinema in onda ogni venerdì dalle 22 alle 24 su Regina Web Radio.

    In questa puntata dal titolo “Biondo, lo sai di chi sei figlio tu? Cinema western e dintorni” si parla dei film Western che ci hanno colpito. Prendendo in esame alcune opere miliari si compie una disamina del cinema americano di frontiera e la sua genesi storica: da John Ford e Howard Hawks a Jim Jarmush e Quentin Tarantino.

    Special Guest della Puntata Giuseppe Vanni, un poeta di Cattolica alla sua seconda raccolta di poesie pubblicata, intervenuto coraggiosamente in studio in mezzo alla gabbia dei matti, per rischiarare l’ecumenica via della bellezza con la sua emozionante poetica del quotidiano. Nel corso della puntata verrà data lettura di alcune elegie di Vanni per bocca dello stesso autore, con un tentativo di ermeneutica del testo goffamente tentato dalla compagine di VnL.

    In particolare si sono identificati 4 film su cui imbastire il discorso del cinema Western:

    • Il Mucchio selvaggio (1969) di Sam Peckinpah
    • Il Buono, il Brutto e il Cattivo (1966) di Sergio Leone
    • C’era una volta il West (1968) di Sergio Leone
    • Gli Spietati (1992) di Clint Eastwood

    In studio conducono Marco Belemmi, Francesco Morosini e Federico Minguzzi. Ospite della puntata: Giuseppe Vanni. Buon Ascolto.

    ASCOLTA IL PODCAST

    Play

    Viaggio nella Luna: 15ma puntata “24 Disegni al Secondo – Viaggio nel cinema di animazione” (21/03/2014)

    film-animazione

    La quindicesima puntata di Viaggio nella Luna, una trasmissione radiofonica di cinema in onda ogni venerdì dalle 22 alle 24 su Regina Web Radio.

    In questa puntata dal titolo “24 Disegni al Secondo – Viaggio nel cinema di animazione” si parla dei film d’animazione che ci hanno emozionato. Una disamina dell’industria del cartone animato dagli albori (i primi graffiti nelle grotte del Pleistocene) fino al crepuscolo (gli scarabocchi degli studenti universitari annoiati durante la lezione di Analisi I).

    Special Guest della Puntata Fico Band, una formazione di giovani mattacchioni che ci delizierà con il loro sfizioso buffet musicale a cui abbondantemente tutti noi attingeremo nel corso della puntata.

    La puntata è quanto mai delirante, caotica, dispersiva e ciancolante. Nonostante questo se ne consiglia la visione ad un pubblico il più vasto possibile, peraltro anche il più ben disposto verso i crimini contro l’umanità.

    In particolare si sono identificati 4 film su cui intavolare il discorso del cinema d’animazione:

    • West and Soda (1965) di Bruno Bozzetto
    • La Città Incantata(2001) di Hayao Miyazaki
    • Appuntamento a Belleville (2003) di Sylvain Chomet
    • WALL·E (2008) di Andrew Stanton

    Questi invece i brani musicali proposti in trasmissione (con l’omaggio ai Fichi presenti in trasmissione) :

    • Fico – Scadenza Imminente
    • Fico – Il Blues dello Sciroppo d’Acero
    • Fico – Perry Sottaceto Wilson
    • Fico – La Canzone del Ventilatore

    In studio conducono Marco Belemmi, Francesco Morosini, Federico Minguzzi, Alessandro Nunziata e Lorenzo Scappini. Buon Ascolto.

    ASCOLTA IL PODCAST

    Play

    Viaggio nella Luna: 14ma puntata “Io non vorrei mai essere nessun altro – il nuovo cinema On The Road” (14/03/2014)

    easy-rider

    La quattordicesima puntata di Viaggio nella Luna, una trasmissione radiofonica di cinema in onda ogni venerdì dalle 22 alle 24 su Regina Web Radio.

    In questa puntata dal titolo “Io non vorrei mai essere nessun altro – 50 anni di cinema On The Road” si parla di Strada e di cinema in movimento. I film che hanno caratterizzato il filone On The Road e il movimento culturale che ha sospinto questo genere narrativo. Le nuove opere che rielaborano questa tradizione letteraria mutuandola al nuovo contesto sociologico. La domanda che ci siamo posti è la seguente: la Settima Arte come è riuscita a plasmare iconograficamente una rivoluzione culturale partita dalla beat generation e a trasporla in immagini?

    In particolare si sono identificati 4 film su cui intavolare il discorso:

    • Little Miss Sunshine (2006) di Jonathan Dayton e Valerie Faris
    • Paris Texas (1984) di Wim Wenders
    • Nebraska (2013) di Alexander Payne
    • Into the Wild (2009) di Sean Penn

    Questi invece i brani musicali proposti in trasmissione (con l’omaggio ai DeVotchKa autori della colonna sonora di Little Miss Sunshine) :

    • Rick James – Superfreak
    • DeVotchKa – How It Ends
    • DeVotchKa – No man’s land
    • DeVotchKa – The Enemy Guns
    • DeVotchKa – You love me

    In studio conducono Marco Belemmi, Francesco Morosini, Alessandro Nunziata e Lorenzo Scappini. Buon Ascolto.

    ASCOLTA IL PODCAST

    Play

    Film su Rasi e Spinelli: trovati gli sponsor e la troupe artistica. Iniziati i casting e la ricerca delle location

    Molte buone novità per la produzione di Tutti Morimmo A Stento. Il crowdfunding sta procedendo molto bene ma per arrivare alla cifra definitiva del budget è necessario un ultimo sforzo collettivo. Basta cliccare qui e seguire le istruzioni per donare le proprie quote sul sito Produzioni dal Basso. Intanto sono in piena lavorazione sia la parte artistica sia la parte produttiva del film. Oltre ad aver aggiunto numerosi nomi che contribuiranno a dare il loro apporto alla parte artistica, siamo orgogliosi di annunciare che abbiamo chiuso il budget grazie all’investimento della Mosaico Tour Operator, entrato come sponsor, esprimendo la volontà di sostenere la produzione affinché il film venga realizzato.

    Siamo inoltre lieti di annunciarvi che Giuseppe Ricci da oggi farà parte dello staff artistico in veste di supervisore musiche e curatore Colonna Sonora del film. Giuseppe Ricci, sociologo classe ’73, è già autore del saggio La Teledittatura e di romanzi come Amarkord, Caos Amore Caos, Sbranando Dio.

    fototobydammit

    Da sinistra: Eleonora Calesini (operatore, montaggio), Lorenzo Scappini (sceneggiatore, produttore), Giuseppe Ricci (curatore musiche e colonna sonora) e Alessandro Nunziata (regista, sceneggiatore).

    Schermata 2014-03-12 alle 20.38.39

    Intanto proseguono i sopralluoghi per la ricerca di location da adattare nel film. Nella pellicola saranno molto importanti i casolari e le cascine di campagna dove avverranno gran parte delle scene. Per questo facciamo un appello a chiunque possegga una casa in campagna che possa essere usata per le riprese. Dovranno essere casolari di mattoni verosimili agli anni ’40 nei dintorni di Cattolica. Necessitiamo tuttora di un buon numero di casolari, ma non tutti andranno ripresi anche negli interni, per cui chi avesse una cascina ristrutturata solo all’interno può comunque inviare la propria richiesta. Accogliamo qualsiasi tipo di candidatura e ringraziamo sentitamente chiunque si proponga di fornire il fondamentale aiuto alla realizzazione della pellicola. Per contattarci potete chiamare al numero 338-9085393 o inviare una mail a lorenzo.scappini@gmail.com, possibilmente allegando alcune foto della casa (sia interni che esterni).

    Concludiamo annunciando anche l’inizio dei casting. Per candidarsi come attore o comparsa e prendere appuntamento con la produzione è necessario inviare un messaggio di posta elettronica all’indirizzo e-mail ale87.nunziata@gmail.com. L’ e-mail dovrà contenere:
    -Un curriculum con le proprie esperienze
    -Due foto del candidato: una in primo piano e una a figura intera.
    -Specificare nell’oggetto della e-mail se il candidato intende presentarsi come attore (richiesta una buona esperienza teatrale e/o cinematografica) o come comparsa.

    Per qualsiasi tipo di informazione sul film o per candidarsi come stagista sul set durante il periodo delle riprese inviare una mail a lorenzo.scappini@gmail.com

    La Produzione del Film

    L’articolo Film su Rasi e Spinelli: trovati gli sponsor e la troupe artistica. Iniziati i casting e la ricerca delle location sembra essere il primo su Toby Dammit.

    Fonte Articolo

    Viaggio nella Luna: tredicesima puntata “Ignude Statuette Auree – un bilancio degli Oscar 2014″ (07/03/2014)

    oscar2014

    La tredicesima puntata di Viaggio nella Luna, una trasmissione radiofonica di cinema in onda ogni venerdì dalle 22 alle 24 su Regina Web Radio.

    In questa puntata dal titolo “Ignude Statuette Auree – un bilancio degli Oscar 2014” si parla della babelica kermesse hollywoodiana e del trionfo italiana con “La Grande Bellezza” di Sorrentino. Si prendono in esame tutti i premi assegnati e se ne discute valenza critica in relazione alle altre opere in nomination, si parla di attori trionfatori e attori trombati (ancora una volta Leonardo DiCaprio non ce l’ha fatta).

    In particolare si sono identificati 5 film che hanno sicuramente meritato l’ambita statuetta approfondendone il dettato stilistico. Stiamo parlando di

    • 12 Anni Schiavo di Steve McQueen
    • The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese
    • Gravity di Alfonso Cuàron
    • Nebraska di Alexander Payne
    • Dallas Buyers Club di Jean-Marc Vallée

    Questi invece i brani musicali proposti in trasmissione:

    • The Beatles – She’s leaving Home
    • The Byrds – Turn, turn, turn
    • Dire Straits – Sultans of Swing
    • Red Hot Chili Peppers – Higher Ground

    In studio conducono Marco Belemmi, Francesco Morosini, Federico Minguzzi, Alessandro Nunziata e Lorenzo Scappini. Buon Ascolto.

    ASCOLTA IL PODCAST

    Play

    Oscar 2014: Vince 12 Anni Schiavo. Cuaròn migliore regista e 7 Oscar per Gravity. La Grande Bellezza miglior film straniero

    phprkejbzschermata_2014-03-03_a_03.50.46

    Tutti i vincitori della 86esima edizione degli Academy Awards:

    Miglior Film: 12 Anni Schiavo
    Miglior Regista
    : Alfonso Cuaròn – Gravity
    Migliore Attore Protagonista: Matthew McCounaghey – Dallas Buyers Club
    Migliore Attrice Protagonista: Cate Blanchett – Blue Jasmine
    Migliore Attore Non Protagonista: Jared Leto – Dallas Buyers Club
    Migliore Attrice Non Protagonista: Lupita Nyong’o – 12 Anni Schiavo
    Migliore Sceneggiatura Originale: Spike Jonze – Lei
    Migliore Sceneggiatura Non Originale: John Ridley – 12 Anni Schiavo
    Migliore Film Straniero: La Grande Bellezza
    Migliore Film D’Animazione: Frozen
    Miglior Documentario: 20 Feet From Stardom
    Migliore Fotografia: Gravity
    Migliore Montaggio: Gravity
    Migliori Effetti Speciali: Gravity
    Migliore Scenografia: Il Grande Gatsby
    Migliori Costumi: Il Grande Gatsby
    Miglior Make Up: Dallas Buyers Club
    Migliore Canzone: “Let It Go” – Frozen
    Migliore Colonna Sonora: Gravity
    Migliore Montaggio Sonoro: Gravity
    Migliore Missaggio Sonoro: Gravity
    Miglior Cortometraggio: Helium
    Miglior Cortometraggio Animato: Mr. Hublot
    Migliore Cortometraggio Documentario: The Lady in Number 6

    Classifica per statuette (vittorie e nomination): 

    • 7/10 – Gravity
    • 3/9 – 12 Anni Schiavo
    • 3/6 – Dallas Buyers Club
    • 2/2 – Il Grande Gatsby
    • 2/2 – Frozen – Il Regno di Ghiaccio
    • 1/5 – Lei
    • 1/3 – Blue Jasmine
    • 1/1 – La Grande Bellezza
    • 0/10 – American Hustle – L’apparenza inganna
    • 0 /6 – Captain Phillips – Attacco in mare aperto
    • 0/6 – Nebraska
    • 0/5 – The Wolf of Wall Street
    • 0/4 – Philomena
    • 0/3 – Lo Hobbit – La Desolazione di Smaug
    • 0/2 – A Proposito di Davis
    • 0/2 – The Grandmaster
    • 0/2 – I Segreti di Osage County

    1606414_738534966179983_629906106_o

    Il selfie di Ellen Degeneres con alcuni protagonisti durante la cerimonia

    L’articolo Oscar 2014: Vince 12 Anni Schiavo. Cuaròn migliore regista e 7 Oscar per Gravity. La Grande Bellezza miglior film straniero sembra essere il primo su Toby Dammit.

    Fonte Articolo

    Oscar 2014: Sommario sui 9 candidati a Miglior Film

    Tra poche ore inizierà l’86esima edizione degli Academy Awards in quel di Los Angeles. Dopo i nostri articoli sui film snobbati e sulle nostre previsioni, presentiamo i 9 film con il maggior numero di nomination, contendenti della statuetta più ambita, quella di Miglior Film. Con più nomination, annunciate il 16 Gennaio, ci sono Gravity e American Hustle a quota 10, subito seguiti da 12 Anni Schiavo con 9 candidature. Ma sarà una serata ricca perché molto probabilmente non ci sarà un film “strappa-statuette” e fino all’ultimo sarà incerta la vittoria di migliore film. Appuntamento alle 2.30 su Sky Cinema Oscar e in diretta streaming su Livestream e probabilmente anche su ABC, da valutare la visibilità all’estero.

    Schermata 2014-03-02 alle 18.48.50

    GRAVITY

    Il capolavoro di Alfonso Cuaròn parte tra i favoriti forte delle 10 nomination conquistate. Oltre ad essere un fortissimo film che esplora l’essere umano in quanto tale partendo dalle sue paure, è un magnifico spettacolo per gli occhi, infatti la maggior parte delle nomine provengono da categorie tecniche (fotografia, effetti speciali, sonoro), senza contare la meravigliosa colonna sonora, la dura prova fisica di Sandra Bullock e l’enorme regia di Cuaròn che è prima di tutto la messa in scena di un enorme progetto, il quale non poteva essere trasposto meglio di così. E dimenticata la mancata nomination come Miglior Sceneggiatura Originale, giustamente, la pellicola si lancia nel testa a testa che la vedrà contendersi il premio più importante contro 12 Anni Schiavo.
    I due protagonisti di Gravity, Matt Kowalski e Ryan Stone, prima di essere due austronauti in missione attorno all’atmosfera terrestre sono due persone che cercano la pace assoluta che solo lo spazio può offrire, alla ricerca della solitudine come unica compagna di viaggio, in fuga da qualcosa che sulla Terra probabilmente li tormenta. Ma il loro viaggio si tramuta ben presto in qualcosa di catastrofico e vengono messi alla dura prova per la lotta alla sopravvivenza dopo l’esplosione di un satellite russo, causando una pioggia di detriti devastante. Sventata la prima fase del pericolo iniziano a rendersi conto quanto sia angosciante vagare nell’infinità dello spazio profondo per poter tornare a casa.

    Nomination: 10
    Rottentomatoes: 97% (media del 9.0)
    Budget: 100 milioni $
    Incasso mondiale attuale: 704 milioni $

    american-hustle-L-pBK8UD

    AMERICAN HUSTLE

    Il più nominato, assieme a Gravity, è stato apprezzato moltissimo dalla critica americana. Più altalenante il suo gradimento a livello mondiale. Per me un film molto gustoso, ma tra i titoli agli Oscar passa in secondo piano rispetto ad altri con meno nomination. In effetti, a meno di grandi ribaltamenti, potrebbe portarsi a casa solo 1 o al massimo 2 statuette. La più probabile è quella per la stratosferica Jennifer Lawrence, in aperto duello con Lupita Nyong’o. Qualche scarsa chance ce l’ha anche a livello di sceneggiatura e costumi. Da sottolineare comunque il cast stellare che riempie tutte le 4 categorie designate.
    Trama intrigante sull’America criminale degli anni ’70, cast stellare e un periodo più che positivo per il regista David O. Russel dopo gli ottimi drammi familiari The Fighter e Il Lato Positivo. Se con questi film il cinquantacinquenne regista si era addentrato nei conflitti familiari di un pugile e di uno schizofrenico ora concentra il suo metodo analitico delle relazioni ruvide nel mondo luccicante dei soldi sporchi e facili. Strizzando l’occhio a Casino di Scorsese può apparire da subito come di già visto. Vero, c’è lo sporco protagonista che fa del suo business come stile di vita, ma non racconta la solita ascesa e il declino del malavitoso di turno. American Hustle ci spiattella davanti ai nostri occhi un preciso spezzone di vita di un truffatore (uno tra mille) che a fatti realmente accaduti o meno mostra da dietro le quinte l’esecuzione della truffa in se, prima, e il conseguente truffare per conto degli agenti segreti per pararsi il culo poi.

    Nomination: 10
    Rottentomatoes: 93% (media dell’ 8.2)
    Budget: 40 milioni $
    Incasso mondiale attuale: 230 milioni $

    Schermata 2014-03-02 alle 19.27.49

    12 ANNI SCHIAVO

    Il nuovo capolavoro del giovane Steve McQueen parte come favorito nella vittoria di Miglior Film. La critica americana lo incorona già come film dell’anno. Ma per il restante delle 9 nomination sicuramente non porterà a casa un granché. La più probabile è sceneggiatura adattata e la lotta di Lupita Nyong’o tra le attrici non protagoniste che potrebbe portarla a battere Jennifer Lawrence. In ogni caso è ormai assodata la consacrazione mondiale di Steve McQueen dopo i due film “da festival” apprezzatissimi dalla critica (e meno dai giudici degli Oscar), Hunger e Shame, entrambi con Fassbender, che grazie a 12 Anni Schiavo arriva per la prima volta alla notte degli Oscar, nelle vesti di candidato tra i migliori attori non protagonisti. Nel film anche la giovane attrice di 10 anni Quvenzhanè Wallis, che l’anno scorso battè il record come attrice più giovane nominata agli Oscar per l’interpretazione in Re Della Terra Selvaggia.
    Nel 1841, prima della guerra di secessione, Solomon Northup, talentuoso violinista di colore, vive libero nella contea di Saratoga con la moglie Anne e i figli Margaret e Alonzo. Ingannato da due falsi agenti di spettacolo, viene rapito, privato dei documenti e portato in Louisiana, dove rimarrà in schiavitù fino al 1853, cambiando per tre volte padrone e lavorando principalmente nella piantagione di cotone del perfido schiavista Edwin Epps.

    Nomination: 9
    Rottentomatoes:  96% (media del 9.0)
    Budget: 20 milioni $
    Incasso mondiale attuale: 130 milioni $

    NEBRASKA

    NEBRASKA

    L’ultimo film del massimo autore attuale sul tema del viaggio (fisico ed interiore) Alexander Payne è un’opera molto sensibile ed emozionante. Ma nonostante la sua bellezza il film con tutta probabilità uscirà dagli Oscar senza nessuna statuetta vinta. Sarebbe un vero peccato per la fotografia eccezionale in completo bianco e nero. Anche il fantastico Bruce Dern avrebbe meritato ma capita in un anno in cui è sormontato dagli ottimi DiCaprio e McCounaghey. Stesso discorso per la simpatica June Squibb, perfetta nel suo personaggio di anziana scontrosa.
    Nebraska è il solito viaggio confortevole di Alexander Payne, che ti fa sentire bene ed aiuta a rappacificassi con il mondo. Un ritratto di assolutà umiltà ed umanità. Comprensione soprattutto. C’è tanto in questa opera sulla terza età. La dolce amarezza del viaggio di un uomo e il suo anziano padre che vede i segni tangibili della sua vita sfuggirgli via, notando accanto a lui come tutto ciò che conosceva nel suo paese d’origine ora semplicemente non c’è più. O è modificato, plasmato, corretto nell’inesorabile panorama acerbo del Nebraska.

    Nomination: 6
    Rottentomatoes: 92% (media dell’ 8.0)
    Budget: 12 milioni $
    Incasso mondiale attuale: 20 milioni $

    AMF_7277 (341 of 376).NEF

    DALLAS BUYERS CLUB

    Questo piccolo capolavoro realizzato con soli 5 milioni di dollari riuscirà a portarsi a casa qualche statuetta. Tre per la precisione, secondo le nostre previsioni: McCounaghey indiscusso il miglior attore dell’anno, Jared Leto miglior non protagonista (dominio di attori maschili agli Oscar) e miglior trucco e make-up.
    Un cowboy di origini texane con la passione del rodeo, il vizio di droga e prostitute e convinto omofobo, contrae inspiegabilmente l’AIDS. Il virus delle “checche”. La vera storia di Ron Woodroof, stereotipo del cowboy anni ’80, racconta di come l’uomo abbia cambiato totalmente vita e orizzonti non appena gli vengono dichiarati solo 30 giorni di vita. La trasformazione di Matthew McCounaghey è pressoché stupefacente, facendo divergere la fisicità - qui dimagrito di 25 chili - all’immagine del classico “good guy” belloccio che si era impresso addosso, riuscendo a sfatarla in pieno. L’unica forte e grande tematica del film è la lotta per mettersi in gioco, contro ogni tipo di avversità. E nel film ce ne sono tante: dall’imminente morte per malattia terminale all’odio omofobo, fino alla battaglia contro i medici e il governo degli Stati Uniti. Sarà proprio questo insieme di avversità a mettere in moto la forza e la fragilità del personaggio che contrae il virus dell’HIV nel paese più razzista degli USA.

    Nomination: 6
    Rottentomatoes: 94% (media del 7.8)
    Budget: 5 milioni $
    Incasso mondiale attuale: 30 milioni $

    Schermata 2014-03-02 alle 20.22.11

    CAPTAIN PHILLIPS – ATTACCO IN MARE APERTO

    Notevole il film di Paul Greengrass che ha saputo coniugare una storia potenzialmente da action movie con un pubblico ampio e una critica che lo ha accolto a braccia aperte. La storia vera del capitano americano rapito dai pirati somali si aggiudica 6 nomination; mancata la candidatura per l’ottimo protagonista Tom Hanks, il film faticherà ad aggiudicarsi anche solo una statuetta. La più probabile? Quella per il miglior montaggio. Notevole la prova dello sconosciuto attore somalo Barkhad Abdi che esordisce con il botto e presenzierà alla cerimonia tra i migliori attori non protagonisti.
    Come nei suoi 12 film precedenti, dietro la maschera del thriller molto ben curato nei particolari, cela un volto più umano con la capacità di far riflette su argomenti come gli effetti della globalizzazione, in quanto i pirati attaccano la nave porta container, pieni di viveri per associazioni umanitarie, solo perché essa è americana dando per scontato che sia sinonimo di denaro. Ed affronta con grande maestria la situazione geo-politica che si vive in quei territori mostrando un gruppo di pirati saputi e “obbligati” ad agire da un signore della guerra locale

    Nomination: 6
    Rottentomatoes: 93% (media dell’ 8.3)
    Budget: 55 milioni $
    Incasso mondiale attuale: 218 milioni $

    Joaquin Phoenix

    LEI

    Spike Jonze è vicinissimo al suo primo Oscar. Non come regista ma come sceneggiatore di Her. Dopo il Golden Globe il regista de Il Ladro di Orchidee sta mettendo tutti d’accordo con la storia di un uomo (Joaquin Phoenix) che, in un non lontano futuro, si innamora di un sistema operativo con la voce di Scarlett Johansson. Con questo grande azzardo (ma niente in confronto a Essere John Malkovich) speriamo, anche noi Dammit che abbiamo amato Her, possa vincere l’ambita statuetta che l’anno scorso andò nelle mani di Quentin Tarantino con Django Unchained. Lo stesso Phoenix è un altro grande assente tra i migliori attori protagonisti. Oltre a miglior film e sceneggiatura originale, il film presenzierà anche tra le migliori scenografie, miglior canzone e  migliore colonna sonora. Fosse stato per noi avremmo inserito anche Scarlett tra le migliori attrici non protagoniste per la splendida performance vocale che gioca un ruolo importante nel film e che pochi mesi fa è stata premiata al Festival di Roma come migliore interpretazione femminile, gettando la critica in uno spaccato di elogi e scalpori.

    Nomination: 5
    Rottentomatoes: 94% (media dell’ 8.5)
    Budget: 23 milioni $
    Incasso mondiale attuale: 30 milioni $ (in Italia esce il 13 Marzo)

    Schermata 2014-01-24 alle 03.24.43

    THE WOLF OF WALL STREET

    Il capolavoro da 3 ore di Martin Scorsese è stato tra i film più chiacchierati della stagione cinematografica. Sia perché tratta vicende ancora scomode per il governo americano e mette in luce un aspetto poco politicamente corretto della società, sia per la sua massiccia durata che ricalca con maniacale eccesso il carattere anti-eroico dei suoi personaggi. Ma al di fuori di ogni perbenismo qualunquista, Scorsese ci pone su un piatto d’argento un opera formidabile, godibilissima ed energica. Non tutti la pensano cos+, basti vedere i voti fresh su rottentomatoes, il più basso tra i 9 film in gara. Ma nonostante tutto, Scorsese è arrivato agli Oscar, con un film che ha fatto parlare, con una storia poco corretta, ma lo ha fatto mostrandoci un grande cinema. Purtroppo, nonostante le 5 nomination (tutte pesanti), non riuscirà ad aggiudicarsi nulla: DiCaprio è capitato nell’anno di grazia di McCounaghey e per questo dovrà mangiarsi le mani. Lo stesso Scorsese è candidato per l’ottava volta come miglior regista, ma qui le chance sono nulle. Chiudono la grandiosa sceneggiatura di Terrence Winter e l’interpretazione da non protagonista (sottopagato) di Jonah Hill.
    Jordan Belfort
     è un giovane dalle umili origini che a soli 26 anni è a capo di una delle più proficue società di brokeraggio di Wall Street, garantendogli un guadagno settimanale pari quasi a 1 milione di dollari. Il giovane broker scala presto la vetta della capitale del guadagno fondando la Stratton Oakmont e ponendosi come un vero leader rock’n’roll di un gruppo sempre più ampio composto da voraci broker, affamati di soldi e potere.

    Nomination: 5
    Rottentomatoes: 77% (media del 7.7)
    Budget: 100 milioni $
    Incasso mondiale attuale: 340 milioni $

    _D3S1363.NEF

    PHILOMENA

    Quattro nomination, tutte molto pesanti, ma se la gioca da comparsa l’ultimo film del britannico Stephen Frears. E’ già un grande traguardo quello di essere tra i 9 migliori film. Ma soprattutto un grande elogio all’immensa Judi Dench che rientra pienamente nella liste delle 5 migliori attrici. Settima nomination per la 79enne attrice inglese che vinse il premio nel 1999 per Shakespeare In Love come attrice non protagonista. Chiudono il quadro di nomination la candidatura per la colonna sonora di Alexandre Desplat e la sceneggiatura adattata (tratta dall’omonimo romanzo di Martin Sixsmith) già riconosciuta come migliore sceneggiatura all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, ai BAFTA e ai Satellite Awards.
    Il giornalista Martin Sixsmith ha appena perso il suo lavoro come consulente governativo del partito Laburista per Tony Blair e vorrebbe iniziare a scrivere un libro sulla storia della Russia. Contemporaneamente, Philomena Lee confida a sua figlia che, in Irlanda, 50 anni prima, molto giovane, ha concepito un bambino, che ha poi partorito nel convento al quale era stata data in affidamento e dove si troverà costretta in uno stato di segregazione e prigionia, che la porterà fino alla privazione del figlio, dato in adozione.

    Nomination: 4
    Rottentomatoes: 92% (media del 7.9)
    Budget: 12 milioni $
    Incasso mondiale attuale: 85 milioni $

    9 migliori film

    L’articolo Oscar 2014: Sommario sui 9 candidati a Miglior Film sembra essere il primo su Toby Dammit.

    Fonte Articolo

    Pagina 1 di 11.43012345...102030...Ultima »