In studio con noi oggi due grandi artigiani del make-up cinematografico: Andrea Giomaro e Carlo Diamantini. Chiacchierata informale su un settore poco conosciuto del Cinema da parte del grande pubblico, ma che da sempre è una fucina di talenti a cui sicuramente il Cinema deve riconoscenza e rispetto per un lavoro che contribuisce notevolmente al successo di un film. In particolare si osserva come l’ascesa della CGI (Computer Generated Imagery), ovvero gli effetti speciali realizzati tramite un computer, abbia portato ad una saturazione del linguaggio cinematografico, in qualche modo depauperando la portata e la meraviglia dell’effetto speciale. In sostanza lo spettatore che si reca al cinema è ormai assuefatto alla sovrabbondanza di questo genere di espedienti ed è veramente difficile stupirlo.

Andrea e Carlo ci hanno poi raccontato aneddoti sul loro lavoro e su cose curiose accadute in fase di lavorazione. In particolare Andrea ha ricordato di quando si è trovato a lavorare per Ridley Scott per un film televisivo dal titolo The Vatican in cui, in una particolare scena, una falange di un dito doveva essere staccata tramite un morso da un attore. Andrea aveva curato la protesi in silicone del dito con una giuntura in silicone, in modo tale che ad una minima pressione la falange dovesse subito venir recisa con profluvio di sangue. Naturalmente così non andò, il seguito dell’aneddoto scopritelo nel podcast!.

Si è parlato poi dei punti di riferimento in questo settore, artisti del trucco che il Cinema l’hanno costruito con le proprie mani e il proprio talento, gente del calibro di Tom Savini, Dick Smith, Rob Bottin, Rick Baker, Giannetto De Rossi, Carlo Rambaldi, Sergio Stivaletti…

In studio sono presenti: Federico Minguzzi, Francesco Morosini, Marco Belemmi, Carlo Diamantini e Andrea Giomaro

Buon Ascolto!

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. Foxtrot 20 marzo 2017

    Gommo non te la tirare!!! Sei un mito, la storia di Scott non l'avevi raccontata neppure a me, ma il prete era un vampiro o un licantropo?

  2. Marcello 20 marzo 2017

    Grandiosa puntata! Complimenti vi ho ascoltato e sono letteralmente volate le due ore. E' bello sapere che c'è ancora gente che fa questo lavoro con passione e competenza: viva i professionisti!!!