8 voti 5

La grande opera letteraria di Steinbeck sublimata in pellicola da John Ford: così potrebbe essere condensata l’esegesi di questo film monumentale. Tom Joad fa rientro alla fattoria di famiglia dopo aver scontato una pena detentiva, trova i propri familiari messi su una strada da uno sfratto. Si unirà a loro per un viaggio catartico verso una nuova terra promessa. Un affresco sensazionale che John Ford mutua da un romanzo di per sè paradigmatico nel plasmare un’umanità dilaniata dalla storia e dalle avversità incontrate. Grande prova nel ruolo di protagonista di Henry Fonda, commovente, espressivo, ironico. Delicata la mano di John Ford quando tratteggia il microcosmo di questa famiglia americana in balia degli eventi ma sempre salda negli affetti, ma anche tremendamente realista nel delinearne le vicissitudini, tanto che in più di un’occasione viene alla mente l’analogia con la forza visionaria di Giuseppe Verga.

The Grapes of Wrath non cerca mai di cadere nel manicheismo. Ford si astiene dal formulare giudizi morali che possano prevalere sulla narrazione. Registra e racconta, sfruttando meravigliosamente il potere del mezzo cinematografico. Questo film è un quadro impressionante di una terribile era della storia americana, i cui meccanismi traspongono la società al sistema capitalista, nei suoi modi più eccessivi e pericolosi. La fine di un’era, precipitando in una sorta di purgatorio dopo un disastro economico senza precedenti, la rottura del mondo simboleggiata dalla rottura della famiglia. John Ford ci offre un’opera commovente superbamente girata, che cattura momenti strazianti di umanità, ingigantiti da attori che trasmettono emozioni vere, per un grande e travolgente momento di Cinema.

Titolo originale: The Grapes of Wrath

Video & Photo

1 videos 6 photos

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 Comments

  1. Avatar
    Luigi Cappello 29 Giugno 2020

    Bellissimo, emergono valori di famiglia e morale ce oggi sono di poco conto. Un film strepitoso