2 voti 5
Recensione a cura di

Scheda Film

Un magnifico horror giocato sull’assenza-presenza che scatena una ridda furiosa di angoscianti dubbi al punto di condurre ad una deriva di lenta follia i protagonisti. Clouzot si dimostra ancora una volta abile burattinaio delle emozioni confezionando un vero e proprio archetipo del filone noir-horror che tanto influenzerà cineasti a venire (basti pensare a opere come “Il Sesto Senso” o “The Ring”). La storia è incentrata sull’amicizia saffica tra la moglie di un direttore scolastico e un’insegnante del collegio. Le due donne coalizzano il proprio odio verso il direttore e ne pianificano l’omicidio. Lo annegheranno nella vasca da bagno facendo sparire il suo corpo in fondo alla piscina scolastica. Ma quando la piscina verrà prosciugata il corpo risulterà misteriosamente scomparso ed una serie di eventi incredibili metterà a dura prova la coppia assassina. La lenta dissoluzione di un’opera malvagia porta con sè i germi di una malvagità ancora più mostruosa, un’empietà latente che si insinua nelle atmosfere del film e di riflesso nello spettatore che non può fare a meno di seguire gli eventi in una sorta di estasi pietrificata. Film tetro e affascinante, come una luna eclissata.

Titolo originale: Les diaboliques

Video & Photo

1 video 8 foto

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.