3 voti 5
Recensione a cura di

Scheda Film

Prezzo: EUR 7,59

Un doloroso messaggio di incomunicabilità, questa potrebbe essere la suprema sintesi di questa affascinante opera di Michelangelo Antonioni. Il regista affida ad un viaggio l’esperienza mistificante dell’emarginazione sentimentale del protagonista e attraverso i suoi occhi rielabora un paesaggio di provincia ostile, inconoscibile attraverso la cartina di tornasole di un amore fallito. La storia è imperniata sul viaggio di un uomo e della sua figlioletta attraverso la regione padana. L’uomo si è allontanato di casa dopo aver litigato con la compagna che lo ha lasciato per un altro e cerca attraverso il movimento una sorta di catarsi, un tentativo di redenzione. Ma persone e luoghi che gli si faranno incontro non faranno altro che allontanarlo ancor di più dalla realtà, dalle emozioni e in definitiva da se stesso. Un grandioso film sulla parola non detta, sul passato che mastica la vita, sui rapporti umani azzerati, sullo straniamento causato da una vita fatta di correlazioni oppressive. Un’opera in cui l’ambiente circostante è filmato con studiata nettezza, una pulizia che sembra essere analogia di un dolore inesauribile, di un vissuto che si impasta ad alberi, filari e campi della pianura padana e ne esce dissolto nel nulla, un grido afono che esce dal ventre della terra spegnendo ogni speranza.

Titolo originale: Il Grido

Video & Photo

1 video 5 foto

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.