3 voti 5
Recensione a cura di

Scheda Film

Un film che è stato un punto d’arrivo e una presa di coscienza: l’industria hollywoodiana si rende conto di poter fabbricare kolossal apprezzati dal grande pubblico e che al contempo possano generare guadagni su vasta scala. Un fattore che significa business, investimenti e credibilità verso un settore quasi agli esordi. Il progetto per questo film, abbastanza travagliato nella gestazione, trova infine i capitali per essere realizzato, sebbene il plot incutesse qualche timore nei produttori. La storia è quella di una troupe cinematografica che approda su un’isola tropicale e scopre un enorme esemplare di gorilla che sarà catturato e trascinato alla civiltà come un trofeo da circo. Ma la natura si ribellerà. Interessante è la tecnica usata in questo film per rendere verosimili le dimensioni del mostro e per farlo interagire con l’ambiente circostante. Le ricostruzioni in scala degli elementi urbani fanno oggi sorridere ma si pensi all’innovazione per quell’epoca e alla portata rivoluzionaria di questo nuovo lavoro di artigianato. Celebri le scene di King Kong in cima al grattacielo attaccato dalle mitragliatrici dei biplani, un caposaldo icastico del nostro immaginario. Ancora oggi affascinante nella sua visione rivoluzionaria del rapporto uomo-bestia.

Titolo originale: King Kong

Video & Photo

1 video 4 foto

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.