6 voti 4.8
Recensione a cura di

Scheda Film

Un’opera millenaria che ha donato vita e coscienza al Cinema infondendo la consapevolezza che esso poteva e doveva assurgere ad Arte. Il film commissionato dal Governo Sovietico ad Eisenstein era deputato a svolgere una altisonante propaganda comunista. Ma l’arte del regista travalicò l’intento propagandistico confezionando un capolavoro senza tempo. L’opera è suddivisa il cinque atti: Uomini e vermi, Dramma sul ponte, Il morto chiama, La scalinata di Odessa, Una contro tutte. Nel 1905, nella città portuale di Odessa, i marinai dell’incrociatore Potëmkin si ribellano alle autorità a causa del cibo avariato che veniva loro servito. Molti vengono fucilati sul posto. Da questa ribellione scaturiscono disordini in tutta la città contro l’oppressivo regime zarista. I moti saranno affogati nel sangue da un intero reggimento di cosacchi giunto per ordine diretto dello Zar. Un film le cui immagini parlano con una forza straordinaria (celebre è la scena della carrozzina in caduta sulla scalinata), tanto che è perfettamente lecito parlare di forza iconica, un nuovo linguaggio che avrebbe ben presto formato tantissimi ingegni e mietuto proseliti nei circoli cinematografici della democratica Europa Occidentale.

Titolo originale: Bronenosets Potyomkin

Video & Photo

1 video 5 foto

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.