4 voti 5
Recensione a cura di

Scheda Film

Un altro excursus di Flaherty nella selvaggia natura per documentare l’improbo rapporto tra l’uomo e l’elemento. Questa volta al posto dell’ostile Alaska c’è la brulla Irlanda, con le sue isole inospitali e selvagge in cui alcune comunità di nativi conducono una vita di faticosa quotidianità. Flaherty filma le giornate del capo di una di queste comunità, dei suoi ritmi lavorativi, del suo delicato rapporto con la terra e il mare circostanti. Veniamo introdotti in un microcosmo dove vige una legge avulsa da ogni compromesso sociologico, una legge che tende darwinianamente a favorire il più forte. Flaherty cala sulla realtà con occhio microscopico in cui osservazione scientifica e analisi antropologica trovano un punto d’incontro. E su tutto il talento di un maestro nel far apparire le cose come sono. Una pietra miliare nella storia del cinema naturalistico, e tout court della Settima Arte.

Titolo originale: Man of Aran

Video & Photo

2 video 3 foto

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.