Dopo lo sbarco su Twitch la truppa dei viaggiatori lunari si trova, come primo cadeau di benvenuto, a fronteggiare quello che per tutto il settore è, con tutta evidenza, una profonda crisi di mancanza di contenuti. La pandemia di Covid infatti sta gettando l’intero comparto cinematografico in un profondo stato di prostrazione con sale cinematografiche chiuse e opere la cui produzione slitta nel tempo verso date indefinibili (si veda a titolo di esempio la vicenda del remake di Dune di Denis Villeneuve). La crisi di opere nel Cinema assurge dunque ad afonia anecoica, un panteistico silenzio bianco che ricopre ogni tentativo di rapportarsi alla Settima Arte. Il Covid ha così, di fatto, privato della sua Semantica un’arte che viveva di opere fresche e molteplici che rinnovavano il suo linguaggio ad ogni uscita.

E dunque fare il critico cinematografico non è mai stato così duro come di questi tempi, come avranno certamente preso atto Anthony Oliver Scott e Manhola Dargis del New York Times. Ma i due non si sono certo persi d’animo e hanno reagito alla stagnazione paludosa dando vita ad una classifica dei 25 attori migliori del secolo. Un mezzo per sublimare forse l’astinenza da film in cui tutti siamo tragicamente coinvolti. Ed ha funzionato. Ha funzionato egregiamente. Improvvisamente le fanzine e i blog di Cinema di mezzo mondo, risvegliandosi da un torpore da lock-down, si sono confrontati con la classifica dei due giornalisti dando vita ad un dibattito appassionante rimbalzato sui social e sui mezzi di informazione tradizionali.

Va da sè che anche i Viaggiatori Lunari non potevano esimersi dal prendere in esame la lista e dire la loro in proposito. E di cose da dire ce ne sono davvero tante, a cominciare dalla presenza imbarazzante di attori che sembrano aver nulla a che fare con una piazza d’onore così alta scelta per loro. E stiamo parlando di: Melissa McCarthy (22esimo posto), Rob Morgan (20esimo), Wes Studi (19esimo), Alfre Woodard (17esima), Kim Min-Hee (16esima). Mentre altri grandissimi attori come Willem Dafoe e Joaquin Phoenix vengono relegati rispettivamente a un 18esimo, oppure ad un 12esimo posto.

E poi le tragiche mancanze: Jeremy Irons, Edward Norton, Sam Rockwell, Cristoph Waltz, Frances McDormand, Rachel Weisz solo per citare alcune delle più clamorose. Meritati sono invece i posti d’onore riservati a due autentici mostri sacri come Daniel Day Lewis e Denzel Washington, rispettivamente terzo e primo (divisi dalla sorprendente presenza di Isabelle Huppert nientemeno che collocata al secondo posto).

Naturalmente grande orgoglio per la presenza di Toni Servillo al settimo posto, un attore che ha espanso il suo talento attoriale attraverso numerosi progetti italiani degli ultimi tempi, contribuendo con la sua mostruosa verve a dare nuova linfa ad un settore che, in Italia, sta tentando di ripartire dopo anni di tremenda stagnazione di contenuti (e no, non c’entra nulla il Covid in questo).

Di seguito la classifica completa stilata dal New York Times sui 25 attori più bravi di questo secolo:

  1. Denzel Washington
  2. Isabelle Huppert
  3. Daniel Day Lewis
  4. Keanu Reeves
  5. Nicole Kidman
  6. Song Kang Ho
  7. Toni Servillo
  8. Zhao Tao
  9. Viola Davis
  10. Saoirse Ronan
  11. Julian Moore
  12. Joaquin Phoenix
  13. Tilda Swinton
  14. Oscar Isaac
  15. Michael B. Jordan
  16. Kim Min-hee
  17. Alfre Woodard
  18. Willem Dafoe
  19. Wes Studi
  20. Rob Morgan
  21. Catherine Deneuve
  22. Melissa McCarthy
  23. Mahershala Ali
  24. Sonia Braga
  25. Gael Garcia Benal

Per due ore i Viaggiatori Lunari hanno chattato in videoconferenza misurandosi anche con i commenti degli spettatori su twitch. Il dibattito si è fatto a tratti serrato ed appassionante e ha coinvolto molti lettori, ognuno ovviamente preoccupato di dire la sua in merito ad una lista che non ha accontentato nessuno.

Per chi volesse seguire in video di seguito può farlo riguardandosi la puntata andata in onda sabato sera dalle 22 alle 24 su Twitch:

Per chi invece ama soltanto sentire le vocine di fata dei Viaggiatori qui di seguito trova il podcast.

Articoli correlati

  1. Zac 30 Novembre 2020

    Complimenti anche per gli sfondi cangianti, primo fra tutti quel Cuck Norris che tira uno yoko geri al suo maestro Bruce Lee al minuto 42 circa...

    1. Marco Belemmi 30 Novembre 2020

      Ricorda un po' Brad Pitt che mena Bruce Lee tirandolo contro un'auto nell'ultimo film di Tarantino ("nessuno rompe il culo a Bruce, era un'amichevole, è riuscito appena a toccarmi!" "io dico che quell'auto la racconta diversamente" cit.) :-D

  2. Zac 30 Novembre 2020

    Tu vivrai nel terrore l'ho visto al Mystfest tanti anni fa!

    1. Marco Belemmi 30 Novembre 2020

      Film fantastico! Anche io lo vidi al Mystfest con la presenza di Fulci in sala, ti ricordi Zac? Ciao (bedo)

      1. Anonimo 30 Novembre 2020

        Non ricordo i dettagli ma sono sicuro di aver visto al Mystfest anche il primo Nightmare e diversi film di Bava.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.