Puntata speciale, accademica, quasi da cattedra. Una puntata che puzza di gesso e cancellino. Si va sui banchi per studiare, analizzare e vivisezionare i generi del cinema in maniera più accademica che citazionistica.

Il genere che viene preso in considerazione questa volta è il Western all’italiana, o per meglio dire, lo Spaghetti Western. Dalla nascita alla sua scomparsa, i suoi successi, le sue variazioni, la tecnica, e tutto quello che ci ha lasciato. Una selvaggia cavalcata attraverso ciò che nel corso del tempo assunse i contorni di un vero e proprio fenomeno di costume. Partendo dalla maniera hollywoodiana lo Spaghetti Western attraversò epoche, sentimenti e fasce sociali per radicarsi nell’immaginario dello spettatore come unico e precipuo genere cinematografico. I personaggi, i registi e le storie divennero istantaneamente dei canovacci attraverso i quali scivolava via la storia degli uomini trascolorando da mera cronaca a epico periplo di impavidi pioneri. Con un’informale chiacchierata tra Francesco e Alessandro (orfani del resto della truppa data per dispersa) un affascinante viaggio attraverso il mito della Frontiera visto da chi nella Frontiera ci viveva. La marginalità periferica diviene così costante semantica e supremo valore aggiunto.

Mettevi comodi sui banchi, aprite il quaderno e benvenuti a “Viaggio Nella Luna Spaghetti Edition”.

In studio conducono Alessandro Nunziata e Francesco Morosini. Buon Ascolto.

Commenta con Facebook
Esegui
Marco Belemmi

Sono un essere senziente. Mi occupo di varia umanità dall’età di circa due anni. Sono giunto al mezzo secolo di esperienza vissuta su questo Pianeta. Laureato in Lettere Moderne con una tesi sulla Poetica dell’ultimo Caproni nel 1996. Interessato al cinema dall’età di tre anni e mezzo dopo una sofferta visione dei Tre Caballeros della Disney, opera discussa e aspramente criticata in presenza delle maestre d’asilo. Alla perenne ricerca di un nuovo Buster Keaton che possa riportare luce nelle tenebre. Registi preferiti: Akira Kurosawa, Stanley Kubrick, Andrei Tarkovsky.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.