Nel finale di stagione sarebbe una virtù la ripetizione di alcuni assunti, aspetto peraltro comune in alcune culture sub sahariane nonchè in alcune sparute enclavi groenladesi, ma Eggers ne fa un monolite ermeneutico nel proprio film The Northman. Attraverso questa galleria interpretativa i minatori di Viaggio nella Luna si intrufolano e scavano dentro il film per rintracciarne i sottotesti sotterranei le asce di guerra sepolte. Molti uomini hanno lavorato a questo film e molte parole saranno spese dai ragazzi di VnL in questa ultima puntata della stagione 9.

The Northman rimane un mistero quasi insondabile nella cinematografia del regista newyorchese, una sorta di oggetto astratto che da adito a molteplici declinazioni interpretative. I livelli di lettura di questa opera sono talmente profondi che ci si perde come nel centro di Bologna. La ridondanza semantica rimane l’unico filo di Arianna a cui aggrapparsi disperatamente per uscirne vivi. E allora ripetiamoli questi concetti, riguardiamole queste scene e rinnoviamo le nostre parole come se fossero spese per la prima volta, in un loop cortocircuitale che azzera l’orizzonte degli eventi. Saremo tutti delle persone nuove, come un fan di Paolo Conte dopo una doccia prolungata.

Comunque guardiamolo. E parliamone.

Arrivederci alla decima stagione di Viaggio nella Luna. Torneremo ad ottobre più cazzuti e irrisolti di prima. Aspettateci. E temeteci.

Play

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.